giovedì 24 febbraio 2011

The land that time forgot

Avventura, fantascienza
2009
di C. Thomas Howell

Visto in INGLESE

Innanzitutto vorrei far notare una cosa: il film è il mockbuster di Land of the lost, quello con Will Ferrell di qualche anno fa che riprendeva i due omonimi telefilm degli anni settanta e novanta; bene, il protagonista della serie più recente era l'attore Timothy Bottoms, e chi è che ci ritroviamo fra i protagonisti in questo film della Asylum? Proprio lui! Dall'originale al plagio insomma... comunque, andando oltre questa curiosità, passiamo alla trama: una compagnia di allegri turisti su uno yacht in mezzo al mare si ritrovano davanti un'isola non segnata sulle carte, e atterrano a dare un'occhiata tutti a parte la moglie di C. Thomas Howell; scoprono ben presto che l'isola è popolata di dinosauri, e quando tornano indietro son sparite sia barca che moglie; iniziano così i momenti di disperazione e qualche morte per mano dei dinosauri, finché i nostri non scoprono che sull'isola c'è anche - udite, udite - l'equipaggio di un sottomarino tedesco della seconda guerra mondiale! Dopo essersi un po' ammazzati a vicenda perché questi ultimi avevano "rapito" la moglie del protagonista, i due gruppi si alleano (nel mezzo ci sono anche un paio di altri due personaggi-traditori che fregano la barca e scappano), e trovano un modo per andarsene grazie a quella fantastica risorsa di cui l'essere umano odierno non può proprio in alcun modo vivere senza, e che in questo caso gli salva pure la vita: il petrolio. Infatti costruiscono un catafalco artigianale per tramutare il petrolio in benzina con cui alimentare il sottomarino, lanciare un paio di razzi contro il t-rex e andarsene, ma non proprio tutti, e nonostante questo il lieto fine è assicurato.
Allora, per fare qualche osservazione sul film, abbiamo delle stramberie che non possono non far sorridere lo spettatore: questa isola dagli abitanti preistorici in realtà è abitata soltanto da pterodattili, libellule giganti e un paio di tirannosauri; io spero che anche se non ce li hanno fatti vedere ci sia anche qualche brontosauro da qualche parte, altrimenti i poveri t-rex non hanno nemmeno di ché cibarsi, e tra l'altro questi t-rex sembrano abitare un punto ben preciso dell'isola, se li cerchi basta andar lì e fare un fischio, non si sbaglia, ne spunta sempre uno. Dall'altro lato abbiamo i prodigi che riesce a compiere un manipolo di disperati su un'isola deserta, ovvero distillare benzina dal petrolio in quantità tali da alimentare un U-boot: a un certo punto mi aspettavo addirittura che si mettessero a tirar su il petrolio ciucciando la cannetta di plastica come quando si travasa il vino, invece c'è un soldato tedesco addetto alla pompa a mano, al quale sarà venuto un braccio da segaiolo dato che non fa altro per tutto il film che pompare benzina. So che è un film e che la sospensione dell'incredulità dovrebbe farmi pensare a ciò come se fosse un lavoro lungo mesi e mesi, ma il fatto che sono sempre vestiti uguali e non gli cresce un millimetro di barba e capelli me lo impedice... ma forse il tempo sull'isola si è fermato anche per queste cose, chissà. Veramente epica la parte in cui il tizio che, per attirare il dinosaurone sulla traiettoria di siluri, si sacrifica, in una scena "commovente" in cui vediamo che di lui restano solo i pantaloni con le gambe dentro.
Va detto infine che guardando la qualità del t-rex (non esattamente il miglior mostro in CG della Asylum, anche in confronto a film più vecchi come 100 million bc, ma addirittura quello del telefilm degli anni novanta mi sembrava meglio) e le fughe dei protagonisti mi hanno fatto pensare immediatamente a Il pianeta dei dinosauri del 1978, di cui penso che questo film sia l'erede a tutti gli effetti, il suo corrispettivo odierno. Insomma, film godibile che offre divertimento su tutta la linea, trash ma senza essere l'apoteosi dell'assurdo (nel senso, il materiale per candidarsi a questo titolo ci potrebbe anche essere, ma siamo abituati a ben altro ormai...).

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...